Piatti tipici greci, le 3 migliori ricetta da provare a casa

Piatti tipici greci, le 3 migliori ricetta da provare a casa

I piatti tipici greci sono ricette tradizionali dal sapore e dal profumo intenso, preparati con ingredienti locali, semplici e tipici della cucina mediterranea a cui è impossibile resistere.
Carne, verdure, formaggi, olio d’oliva, miele, sono sapientemente abbinati e mescolati da secoli per tentare i nostri palati. Per chi è già stato in Grecia e vuole ritrovare a casa quei sapori che lo hanno fatto innamorare durante il viaggio o per chi sta organizzando la sua vacanza ed è curioso di sapere che cosa potrà assaporare, ecco tre dei migliori piatti tipici greci da non perdere, i più famosi e diffusi.

Ricette dei piatti tipici greci

Pita gyros

Il gyros uno dei piatti tipici greci conosciuto da tutti i turisti dal momento che si tratta del classico cibo da strada tipico della Grecia, molto simile al kebab, ripieno di carne di maiale che viene cotta su lunghi spiedi e tagliata in fette sottili. Se non siete mai stati in Grecia o ne avete nostalgia, vi suggeriamo qui come farlo in casa. Prima di tutto dovrete preparare le pita, il tipico pane rotondo e piatto greco, poi tagliare e arrostire la carne, preparare lo tzatziki che servirà come condimento e infine tagliare tutte le verdure. Il gyros è un panino davvero gustoso e saporito, scoprite come è facile realizzarlo.

Ingredienti

Ingredienti per 8 pita
  • Farina 00 250 g
  • Farina Manitoba 250 g
  • Acqua 300 ml
  • Lievito di birra secco 4 g
  • Sale fino 12 g
  • Malto 1 cucchiaino
  • Olio extravergine d’oliva 30 g
Ingredienti per i gyros
  • Olio extravergine d’oliva 3 cucchiai
  • Lattuga iceberg 200 g
  • Pepe nero q.b.
  • Cipolle bianche 1
  • Lonza di maiale 1 kg
  • Pomodori ramati 200 g
  • Patate fritte congelate 400 g
Ingredienti per lo tzatziki
  • Cetrioli 1
  • Aceto di vino bianco 2 cucchiai
  • Aglio 4 spicchi
  • Aneto 3 rametti
  • Yogurt greco 400 g
  • Olio extravergine d’oliva 4 cucchiai
  • Sale fino q.b.

Preparazione

Per preparare il gyros iniziate ad affettare finemente la carne, con l’aiuto di un’affettatrice perché deve essere molto sottile e riducete le fettine ricavate in pezzi più piccoli. Foderate una leccarda con carta da forno, oliatela e disponete sopra i pezzi di carne. Conditeli con una spolverata di pepe nero ed infornateli in forno caldo a 180° per 30 minuti: la carne dovrà essere ben cotta e croccante.

Per preparare le pita versate il lievito di birra disidratato (in alternativa potete usare 12 g di lievito fresco) in una ciotolina, aggiungete poca acqua tiepida e il malto (o lo zucchero). Mescolate bene per far sciogliere tutti gli ingredienti e unite il composto alle due farine che avrete setacciato dentro ad una ciotola capiente. Impastate con la punta delle dita. Nella restante acqua tiepida sciogliete il sale e unite l’olio.
Versate l’acqua con il sale e l’olio a filo sulla farina e impastate fino ad ottenere composto ben amalgamato. Trasferitelo su di una piano di lavoro e continuate a lavorare l’impasto, che dovrà risultare liscio ed elastico e modellatelo come una palla. Fate lievitare l’impasto delle pita in una ciotola oliata e ricopritela con pellicola trasparente. Mettete a lievitare nel forno spento ma con la luce accesa, per accelerare la lievitazione, per due ore. Quando l’impasto avrà raddoppiato di volume dividetelo in 8 parti del peso di circa 100 gr l’una e date ad ogni pezzo la forma di pallina. Stendete con un matterello fino ad ottenere delle sfoglie leggermente ovali di circa 2 mm di spessore e 20 cm di diametro. Sistemate le pita su una leccarda, foderata con carta forno, in modo che non siano attaccate tra loro e spennellatele leggermente con un’emulsione di olio e acqua.

Lasciatele lievitare coperte con della pellicola per almeno 40 minuti, ancora in forno spento ma con la luce accesa. Terminata la lievitazione, spruzzatele ancora con dell’acqua e spostate le pita insieme alla carta forno su un’altra leccarda già riscaldata in forno statico a 250°. Infornate le pita per 5 minuti, il tempo che si dorino nella parte inferiore e restino bianche in quella superiore e conservatele immediatamente impilate sotto una campana di vetro se non le usate subito.

Per preparare la salsa tzatziki, per prima cosa lavate ed eliminate i semi dal cetriolo, se presenti. Poi grattugiate il cetriolo con una grattugia a maglie larghe, senza togliere la buccia. Trasferite il cetriolo grattugiato in un colino posto sopra a una ciotola e lasciatelo riposare per almeno un’ora, in modo che perda l’acqua di vegetazione.
Trascorso questo tempo, sbucciate gli spicchi d’aglio ed eliminate l’anima con un coltello, poi tritateli finemente schiacciandoli con la lama del coltello fino a ottenere una sorta di crema. In alternativa potete usare un mortaio con il pestello. Versate lo yogurt in una ciotola, aggiustate di sale e aggiungete l’olio e l’aceto, alternandoli fra di loro, poi mescolate bene.
Ora strizzate il cetriolo premendo con il dorso di un cucchiaio per eliminare tutta l’acqua di vegetazione e unitelo allo yogurt. Infine aggiungete la crema di aglio e mescolate ancora. Lasciate riposare la vostra salsa tzatziki in frigorifero per 2-3 ore per permettere ai sapori di amalgamarsi al meglio!

A questo punto friggete le patatine e tenetele in caldo, quindi spostate la carne in una ciotola e prendete lo tzatziki. Tagliate tutte le verdure che serviranno a farcire il gyros: lavate i pomodori e tagliateli a fette, lavate l’insalata e riducetela in pezzi più piccoli e affettate la cipolla bianca finemente.

A questo punto potete assemblare i vostri gyros: su ogni pita stendete un cucchaio di tzatziki, farcite con un po’ di insalata, le fette di pomodori e qualche filo di cipolla. Aggiungete la carne e per completare qualche patatina fritta. Chiudete il gyros partendo dal basso, scaldetelo per qualche minuto in forno e servitelo caldo.

Moussaka

Ingredienti

  • Melanzane 1,5 kg
  • Patate 500 g
  • Agnello 500 g
  • Carne di suino 500 g
  • Cipolle medie 2
  • Aglio 2 spicchi
  • Olio extravergine d’oliva 5 cucchiai
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Cannella in polvere ½ cucchiaino
  • Vino rosso 1 bicchiere
  • Pomodori ramati 500 g
  • Pecorino da grattugiare 150 g
  • Parmigiano Reggiano DOP da grattugiare 100 g

Per la besciamella

  • Latte intero 1 l
  • Burro 100 g
  • Farina 100 g
  • Noce moscata q.b.
  • Sale fino q.b.

Per friggere

  • Olio di semi di arachide q.b.

Preparazione

Per preparare la moussaka, lavate le melanzane ed eliminate la parte verde sull’estremità, quindi asciugatele e tagliatele a fettine di circa 4-5 mm di spessore. Mettete le melanzane, una fetta sull’altra, dentro ad uno scolapasta cospargendole con del sale grosso: terminate mettendo al di sopra di esse un piatto e sopra ancora un peso (può essere un chilo di sale) che le presserà. Attendete un paio di ore fino a che fuoriuscirà un liquido scuro e amarognolo. In una padella capiente, mettete l’olio e aggiungete le cipolle tritate e l’aglio schiacciato, quindi lasciate dorare e poi aggiungete la carne trita di agnello e di maiale. Fate soffriggere a fuoco vivace mescolando per bene fino a che la carne sarà ben rosolata, poi aggiungete il vino rosso e lasciate sfumare quindi salate, pepate e aggiungete la cannella. Lasciate cuocere a fuoco dolce e poi aggiungete i pomodori ramati (o perini) spellati e tagliati a cubetti; mettete un coperchio sul tegame e lasciate cuocere a fuoco basso per circa un’ora mescolando di tanto in tanto. Il ragù dovrà consumarsi lentamente insaporendosi e asciugandosi.

Nel frattempo sbucciate le patate, tagliatele a fettine sottili (4-5 mm) e lessatele per 5 minuti in acqua salata, poi scolatele e mettetele a scolare poggiandole delicatamente in un colapasta o su di uno strofinaccio pulito, senza spezzarle. Quindi sciacquate le melanzane sotto l’acqua corrente e poi asciugatele tamponandole con uno strofinaccio pulito. Friggete tutte le melanzane e mettetele a perdere l’olio in eccesso su di un piatto foderato con carta assorbente: quando il piatto sarà pieno, mettete sopra le fette fritte di melanzane altri due fogli di carta assorbente e poggiateci sopra le altre e così via.

Allo stesso modo friggete anche le patate e scolatele dall’olio in eccesso. Preparate ora la besciamella. Dopodiché possiamo passare all’assemblaggio della moussaka. Prendete una teglia delle dimensioni di cm 25 x cm 30 e foderate il suo fondo cospargendolo con le patate. Al di sopra mettete la metà delle melanzane fritte, poi metà del ragù, sparso per bene, e infine cospargete con 2-3 cucchiai di formaggi grattugiati mischiati tra loro. Ripetete gli strati (ovviamente senza patate) e poi ponete metà del formaggio avanzato dentro alla besciamella mescolando per bene. Versate tutta la besciamella sulla preparazione, cospargete col restante formaggio e infornate in forno già caldo a 180 gradi per 40-45 minuti circa. Non appena la besciamella diverrà dorata estraete la teglia e lasciate intiepidire e compattare la moussaka.

Souvlaki

Ingredienti

  • 800 gr di cosciotto di maiale tagliato in cubetti di 2cm
  • 100 ml di olio extravergine di oliva
  • ½ limone per il succo che ne produce
  • 12 cucchiaini di senape
  • 1 cucchiaino di origano essiccato
  • sale e pepe a volontà
  • 8 spiedini di legno
  • 8 pite greche
  • 1-2 cipolle rosse
  • 1 pomodoro a fette
  • salsa tzatziki

Preparazione

Tagliate il maiale in cubetti di circa 2 cm. Metteteli in una ciotola ed aggiungete olio extravergine di olive, succo di limone, senape ed origano. Mescolate bene il tutto, coprite e lasciate riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.
Prendete gli spiedini e tagliateli esattamente della misura della vostra griglia. Inserite i cubetti di maiale negli spiedini di legno ed accendete la griglia.
Mantenete la temperatura della griglia alta e cuocete i souvlaki per circa 8 minuti, girandoli di tanto in tanto fino a che non avranno assunto un colore dorato.
Su un lato della griglia potete riscaldare le pita greche. Passatele con un po’ di olio extravergine e condite con sale, pepe ed origano. La pita ha bisogno di solo 1-2 minuti di cottura.
È arrivato il momento di gustare i vostri souvlaki…sono ancora più buoni con la classica retsina!

Chiudi il menu