Sci alpino, come e dove praticare questo sport invernale

Sci alpino, come e dove praticare questo sport invernale

Lo sci alpino è lo sport invernale per eccellenza ed ha origini antichissime, ma quello moderno risale al 1800 con l’introduzione dei mezzi per gestire le discese.

Storia dello sci alpino

Come abbiamo detto, lo sci alpino ha origini antichissime. Sembra infatti che i primi sci risalgano a diversi millenni prima della nascita di Cristo.
Per quanto riguarda lo sci alpino moderno, questo lo si fa risalire al 1800, quando vennero introdotti i primi mezzi per gestire le discese.

Lo sci alpino è lo sport invernale per eccellenza e si pratica in montagna, tra pendii innevati e attrezzate stazioni sciistiche.
Per praticarlo occorrono sci ben fissati agli scarponi con i quali si sale in quota tramite gli impianti di risalita e si percorrono le piste innevate per scendere fino a valle.

Nato come mezzo per gli spostamenti in montagna, per la caccia e per rendere possibile il commercio nelle zone innevate e nei mesi freddi, lo sci alpino oggi si è trasformato in uno sport accattivante e coinvolgente.

Un asse di pino di circa 111 cm di lunghezza e 19 di larghezza, risalente a circa 4500 anni fa, è la testimonianza più antica che abbiamo dello sci. E’ stato rinvenuto nel 1921 in Svezia, ed è conosciuto come lo sci di Hoting.
L’utilizzo di assi di legno utilizzate per gli spostamenti in montagna è documentata già da Erodoto nel 4 secolo a.C..

Lo sci alpino in senso moderno, ha cominciato a diffondersi nel diciannovesimo secolo ed entrato nell’immaginario comune con l’avvento della televisione.

Le discipline dello sci alpino

Le gare di sci alpino sono estremamente appassionanti e uniscono velocità ad altissimo livello tecnico.

In gara, gli atleti sciano su una pista da sci delimitata da paletti, detti “porte”, che possono essere singoli o in coppia. Uno dopo l’altro, gli sciatori seguono il percorso e vengono cronometrati, cercando di non uscire dalla pista. Il cambio di percorso infatti comporta la squalifica dell’atleta.
A seconda della velocità della pista e della distanza tra i paletti, si distinguono quattro discipline di sci alpino, due veloci e due tecniche:

  • discesa libera, è la più veloce tra le gare;
  • supergigante, annoverato tra le discipline veloci, è una gara leggermente più lenta della discesa libera;
  • slalom gigante di sci alpino, disciplina lenta e più tecnica;
  • slalom speciale, con curve più strette e complesse da gestire, fa parte delle discipline tecniche che presentano porte ravvicinate e sfalsate.

Oltre alle gare classiche, negli ultimi anni sono state introdotte alcune varianti, come la combinata, la supercombinata, le discese sprint, il gigante parallelo e lo slalom parallelo.

Le gare più seguite

Le prime gare di sci alpino, maschili e femminili, risalgono al 1861 e vennero disputate negli Stati Uniti. La prima nazione europea ad ospitare competizioni sciistiche fu la Svizzera che, nel 1864, grazie ad un albergatore lungimirante, cominciò a mostrare quanto fossero belli i paesaggi alpini in inverno.

La diffusione di massa dello sci avvenne nel secondo dopoguerra, con la creazione degli impianti di risalita e di stazioni sciistiche attrezzate.

Lo sci alpino deve la sua diffusione a livello mediatico ai Giochi Olimpici invernali del 1956, i primi ad essere interamente trasmessi in televisione.

Le competizioni più importanti per gli amanti dello sci sono:

  • la Coppa del mondo di sci alpino;
  • i Campionati mondiali;
  • e le Olimpiadi.

La coppa del mondo di sci alpino è stata introdotta nel 1966, e si svolge ogni anno in inverno, in Europa, Asia e America del Nord.
Le gare coinvolgono moltissimi atleti, che ad ogni gara ottengono un punteggio per l’assegnazione della Coppa del Mondo.
Il trofeo è una Coppa di Cristallo che viene consegnata ai migliori atleti nello sci alpino maschile e nello sci alpino femminile.

I Mondiali si svolgono ogni due anni in una sola stazione sciistica e prevedono lo slalom di sci alpino speciale, lo slalom gigante, il supergigante e la combinata.

I vincitori vengono premiati con medaglie d’oro, d’argento e di bronzo.

Le Olimpiadi ospitano lo sci alpino dal 1936 e si svolgono nello stesso modo dei Mondiali.

Tra gli sciatori più vittoriosi al mondo abbiamo anche un italiano, l’indimenticabile Alberto Tomba. Tomba è il quarto atleta per numero di vittorie in Coppa del Mondo di sci alpino maschile, con 35 vittorie nello Slalom e 15 nel Gigante.

Come scegliere il giusto equipaggiamento per praticare lo sci alpino

Per praticare lo sci alpino e domare la neve in Italia oggi ci si può veramente sbizzarrire con attrezzature tecniche di alta qualità e look divertenti e modaioli, oltre che estremamente leggeri e performanti.

Vediamo come deve essere composto un ottimo equipaggiamento per la montagna:

  • Gli Sci: devono essere adatti alla corporatura dell’atleta. Oggi i più diffusi sono quelli sciancrati, con punta e code larghe, che permettono di controllare molto bene i movimenti nelle curve;
  • Attacchi e scarponi: di ottima qualità per ridurre il rischio di infortuni e permettere all’atleta di spostarsi agevolmente;
  • I bastoncini: sono necessari per avere una posizione stabile in curva;
  • Il casco: è obbligatorio e deve essere omologato;
  • Un dispositivo antivalanga: facilita le operazioni di soccorso in caso di valanga;
  • I guanti: proteggono le mani dal freddo e dalla neve;
  • La mascherina: migliora la visibilità sulle piste ed è utilissima per proteggere gli occhi;
  • Tuta o completo da sci resistente all’acqua: serve per proteggere il corpo dalle basse temperature e dal vento;
  • Abbigliamento tecnico da indossare sotto la tuta: permette di sciare con agilità, non appesantisce e facilità i movimenti.

Un consiglio molto utile per mantenere una buona temperatura corporea, nonostante le basse temperature e il caldo legato alla pratica sportiva è di vestire a cipolla.

La nostra raccomandazione principale è quella di badare alla sicurezza sulle piste e di essere sempre molto attenti.

L’abbigliamento adatto allo sci alpino ha molte caratteristiche simili a quello utilizzato per praticare lo snowboard, ma per ognuna delle due discipline sono nati stili diversi.

Chiudi il menu