Allenamento addominali, i 10 esercizi per allenarli tutti

Allenamento addominali, i 10 esercizi per allenarli tutti

Qui di seguito ti proponiamo 10 esercizi addominali che ti permetteranno di allenare al meglio ogni muscolo della fascia addominale.

Cosa fare per dimagrire la pancia?

Il primo passo per perdere il grasso addominale è senza dubbio quello di seguire una dieta equilibrata, importante non solo per ragioni estetiche ma soprattutto perchè il grasso addominale, cioè quello localizzato sulla pancia, è pericoloso per la salute.
Questo perché, il grasso addominale è maggiormente associato alle malattie cardiovascolari, ai disturbi metabolici e al diabete, specialmente in presenza di colesterolo alto.
Dunque, una dieta ipocalorica permette di perdere peso in tutto il corpo.
Sicuramente le parti che più diminuiranno saranno quelle con una maggiore concentrazione di massa adiposa. Per questo motivo è importante abbinare alla dieta un discreto allenamento fisico che unisca attività aerobica (corsa, salto alla corda ecc..) ad attività di tonificazione specifica per la zona addominale e del core addominale.
Infatti, lo sport aerobico è l’ideale per perdere la pancia perché attiva positivamente il metabolismo e coinvolge l’apparato cardiocircolatorio, per questo deve essere eseguito con una certa intensità per almeno 20 minuti consecutivi (gli effetti si cominciano a sentire quando l’organismo reagisce con un lieve senso di fatica e calore.

Allenamento addominali: quali muscoli far lavorare?

Qui di seguito ti proponiamo un circuito studiato per far lavorare i grandi muscoli che compongono la fascia addominale ma anche il core addominale:

  • Il retto addominale è la parete anteriore dei tuoi muscoli addominali ed è quella zona in cui si forma la famosa “tartaruga”.
  • I muscoli obliqui sono due: il muscolo obliquo interno e il muscolo obliquo esterno. Aiutano a compiere le torsioni del busto.
  • Il muscolo trasverso è uno dei muscoli larghi che contribuiscono a formare la parete addominale. Inizia dalla parte posteriore del busto, dove si aggancia a tutte le vertebre, e ricopre orizzontalmente tutto l’addome.
    Quando lavora non fa nessun movimento, si contrae semplicemente su se stesso senza far muovere altri muscoli. Svolge la funzione di stabilizzazione della colonna vertebrale.
  • Core addominale: è composto da muscoli addominali e muscoli estensori della colonna. Fanno parte del core addominale non soltanto i muscoli addominali ma tutti i muscoli profondi che fungono da corsetto e quindi vanno a proteggere la colonna vertebrale.

Vediamo quindi, nello specifico tutti gli esercizi addominali che si possono svolgere per allenare e tonificare questa importante parte del corpo.

Esercizi addominali per un core tonico

Plank

Si tratta di un esercizio che si svolge in isometria, coinvolgendo il retto addominale e tutti i muscoli della cintura addominale.
Mettiti in ginocchio con i gomiti a terra. Porta indietro le gambe tese appoggiando i piedi sugli alluci e solleva il bacino facendo attenzione a mantenere la schiena dritta e parallela al pavimento. Porta la pancia in dentro e contrai i glutei.
Attenzione: non fare mai fuoriuscire la pancia! Tieni le cervicali in posizione neutra, cioè nel prolungamento del corpo.

Mantieni questa posizione per 30 secondi. Fai 30 secondi di pausa. Da ripetere 3 volte.

Superman

Si tratta di un esercizio completo per gli addominali che coinvolge la zona lombare, gli addominali, i glutei e i flessori.
Stenditi a terra in posizione prona, sempre utilizzando un tappetino specifico, con le braccia allungate davanti alla testa e i palmi rivolti a terra, e le gambe tese. Contraendo i glutei e la zona lombare, solleva da terra le gambe e la parte alta del corpo.
Attenzione: la testa rimane nel prolungamento del corpo, lo sguardo basso!

Mantieni la posizione per 30 secondi, fai una pausa di 30 secondi. Da ripetere 3 volte.

Esercizi addominali per il retto addominale

Sit up

Il sit up è uno degli esercizi per gli addominali ottimo per rafforzare la zona del retto dell’addome.
Sdraiati a terra e blocca i piedi sotto un letto o un mobile. Porta le mani dietro alla nuca e, espirando, prova ad alzare la schiena, pancia in dentro.
L’importante è sentire bene tutte le vertebre nella salita e nella discesa! Non devi mai rialzarti con la schiena dritta.

Se hai problemi alla schiena, meglio non eseguire questo esercizio.

Esegui il sit up per 30 secondi, fai una pausa di 30 secondi. Da ripetere 3 volte.

Knee crunch

In questo esercizio viene coinvolto principalmente il retto addominale.
Sdraiato sul pavimento con le gambe sollevate e le ginocchia piegate a 90°. É importante mantenere le gambe immobili durante tutto l’esercizio.

Se preferisci, sistema le gambe su una sedia. Inspira e, espirando, porta la pancia in dentro e stacca da terra le spalle portando i gomiti verso le ginocchia.
Attenzione a non forzare le cervicali.

Inspirando ritorna nella posizione di partenza. Esegui il knee crunch per 30 secondi, fai una pausa di 30 secondi. Da ripetere 3 volte.

Flutter kicks

Si tratta di uno degli esercizi per gli addominali bassi.
Sdraiato supino a terra, inspira e, espirando, porta la pancia in dentro e stacca da terra contemporaneamente il busto e le gambe.

Attenzione a non inarcare la schiena.

Esegui piccoli slanci con le gambe mantenendo le braccia lungo i fianchi e prestando attenzione a non sollevare la zona lombare. Fai 30 secondi di slanci, poi fai una pausa di 30 secondi. Da ripetere 3 volte.

Esercizi addominali per gli obliqui

Crunch obliqui alternati

Si tratta di un esercizio perfetto per allenare gli addominali obliqui.

In posizione supina, porta le mani dietro la testa con i gomiti aperti. Inspira e stacca da terra le gambe e le spalle, stando attento a non far fuoriuscire la pancia.

Espira e porta la gamba sinistra verso il gomito destro eseguendo una torsione del torace. Ripeti l’esercizio dall’altra parte e continua l’esecuzione alternando le gambe.

Importante: tieni i gomiti sempre aperti, ricordati di tenere sempre la zona lombare a terra e appoggia la testa sulle mani senza forzare il collo per non rischiare dolori alle cervicali.

Alterna i cross crunch per 30 secondi. Fai 30 secondi di pausa. Da ripetere per 3 volte.

Cycling cross crunches

Uno dei migliori esercizi addominali. Sono notevolmente sollecitati gli obliqui. Sdraiati a terra con la schiena ben aderente al terreno e le mani dietro la nuca.

Simula con le gambe il movimento classico della pedalata sulla cyclette, alternando il gomito destro al ginocchio sinistro e viceversa.

Durante la torsione, attenzione a non sollecitare in maniera eccessiva il collo.

Esegui l’esercizio per 30 secondi. Fai una pausa di 30 secondi. Da ripetere 3 volte.

Heel touches

Questo esercizio completo per gli addominali dal momento che sollecita sia gli obliqui che il retto addominale.

Disteso sulla schiena, con i piedi a terra aperti alla larghezza del bacino, le braccia lungo il corpo e i palmi delle mani appoggiati a terra. Inspira e, espirando, stacca da terra la testa e le spalle.

Mantieni la pancia in dentro e oscilla a destra e sinistra andando a toccare con le mani i talloni.

Ricordati di tenere la pancia in dentro!

Esegui l’esercizio per 30 secondi. Fai una pausa di 30 secondi. Da ripetere 3 volte.

Esercizi addominali per il trasverso

Vacuum addominale

Il vacuum addominale è un esercizio di respirazione che con la contrazione attiva rafforza il muscolo trasverso – l’addominale più profondo e fondamentale per avere addominali disegnati!

Il vacuum si basa sulla tecnica della respirazione, la base dello yoga e del pilates!

Disteso sulla schiena con i piedi a terra aperti alla larghezza del bacino, braccia lungo il corpo e palmi delle mani appoggiati a terra, schiena aderente al pavimento.

Inspira profondamente portando la pancia fuori e poi espira portando la pancia in dentro, cioè l’ombelico verso la colonna vertebrale.

Esegui il vacuum addominale per 30 secondi. Fai 30 secondi di pausa. Da ripetere 3 volte.

Crunch inverso

Questo esercizio è ottimo per tonificare il retto addominale e il trasverso.

Disteso sulla schiena con i piedi a terra aperti alla larghezza del bacino, braccia lungo il corpo e palmi delle mani appoggiati a terra, schiena aderente al pavimento.

Inspira e, espirando, stacca il bacino da terra spingendo le gambe verso il soffitto. L’oscillazione è minima, il bacino sale perché viene trazionato dall’addome.

Chiudi il menu