Amazon Pantry, cos’è e come funziona questa piattaforma

Amazon Pantry, cos’è e come funziona questa piattaforma

Amazon Pantry è il servizio che permette di fare la spesa online con la consegna a domicilio. Vediamo nel dettaglio come funziona.

Amazon Pantry: cos’è?

C’è un’altra Amazon che non tutti conoscono: si chiama Amazon Prime Pantry, ma tutti la chiamano semplicemente Amazon Pantry. Si tratta di un e-commerce dedicato esclusivamente ai beni alimentari e per la cura della persona e della casa.
Questa è stata lanciata nel 2014 ed oggi è disponibile negli Stati Uniti, Austria, Francia, Germania, India, Giappone, Spagna ed  Italia. Amazon Pantry, però, non è per tutti: si tratta di un particolare servizio riservato solamente agli iscritti Prime.

Come funziona Amazon Pantry?

Il funzionamento non è uguale a quello dell’Amazon “normale”, visto che ad esempio le spese di spedizione si pagano a parte con un contributo fisso. Non è neanche possibile abbinare le spedizioni Pantry con quelle degli altri prodotti messi in carrello. Ma, allora, cosa è esattamente Amazon Pantry, cosa possiamo acquistare e quanto costa la spedizione?

Per capire perché questo store sia diverso dal resto di Amazon partiamo dal catalogo di prodotti messi in vendita su Amazon Prime Pantry.
Tutti i prodotti in vendita su Amazon Pantry Italia ed anche negli altri paesi sono divisi in poche categorie: alimentari e bevande (ma su Pantry non troveremo alcolici), cura della casa, cura della persona e bellezza, prima infanzia e cibo per animali. La categorizzazione, quindi, non avviene per tipo di prodotto ma per scopo: dentro i prodotti per la prima infanzia, infatti, troviamo tutto ciò che può servirci per un figlio piccolo, dai pannolini all’omogeneizzato, passando dallo spray nasale ipertonico all’acqua di mare e dalla crema solare specifica per le pelli dei neonati.

Nella categoria cibo per animali, invece, troviamo anche i test per i valori dell’acqua degli acquari. E qui si intuisce una cosa importante: la selezione dei prodotti è affidata in gran parte a degli algoritmi, non sempre molto efficaci. Accanto ai già citati test per gli acquari, infatti, troviamo anche un detergente per le mani dal nome commerciale ingannevole (per l’algoritmo, ovviamente): “Aquarium”. Un prodotto che, naturalmente, dovrebbe stare nella categoria “cura della persona”.

Come fare per acquistare

Per comprare su Amazon Pantry non serve fare un nuovo account: basta avere un normale account Amazon Prime e potremo comprare anche su Pantry. Tutto quello che metteremo nel carrello verrà contrassegnato con l’etichetta “Amazon Pantry” e dovrà essere considerato a parte: non è possibile chiudere un ordine se non acquistiamo prodotti Pantry per un valore di almeno 15 euro. Inoltre, anche se siamo clienti Prime, un costo di spedizione fisso di 4,99 euro è applicato ad ogni ordine Amazon Pantry, quindi non possiamo comprar nulla se non spendiamo almeno 19,99 euro (spedizione inclusa).

È però possibile non pagare la spedizione se compriamo almeno 5 prodotti presenti in una apposita sezione promozionale, dove comunque vige la solita regola dei 15 euro minimi per procedere con l’ordine. Se invece l’ordine supera i 90 euro, riceveremo 5 euro di sconto.

Amazon Pantry: resi e rimborsi

Un discorso a parte deve essere fatto per i resi e i rimborsi, che sullo store normale di Amazon sono gestiti da una politica molto vantaggiosa per il cliente. In teoria lo stesso vale anche per questo servizio, ma in pratica il discorso si complica. Quando compriamo qualunque oggetto su Amazon, infatti, abbiamo diritto al reso (cioè possiamo rispedirlo al mittente) se la merce non è conforme alla descrizione. Possiamo chiedere il rimborso o il reso, invece, se la merce arriva danneggiata.

Per gli alimentari vale lo stesso: se compriamo un pacco di farina e ci arriva a casa aperto, danneggiato o con le farfalline dentro non ci saranno problemi per il rimborso (difficilmente il venditore ci chiederà di mandargli indietro la farina aperta). Ma il problema vero è un altro: su Amazon Pantry non possiamo controllare le date di scadenza dei prodotti, prima di comprarli. Chi fa la spesa alimentare, infatti, guarda sempre la data di scadenza (o la data consigliata) prima di scegliere quanti pezzi comprare. Tanto è vero che la maggior parte delle offerte più vantaggiose al supermercato (fisico) sono quelle dei prodotti confezionati o in scatola che sono prossimi alla scadenza.
La stessa cosa non è possibile su Amazon Pantry Italia: non c’è modo di sapere se il prodotto in offerta scade tra un mese, sei mesi o due anni. Ma quando la spesa ci arriva a casa e alcuni prodotti scadono dopo pochi mesi non abbiamo alcun motivo per lamentarci: il prodotto è conforme, se ne abbiamo comprato troppo è stato un errore nostro.

Chiudi il menu